Nuove tendenze d’arredo: semplificazione e polifunzionalità

Nuove tendenze d’arredo: semplificazione e polifunzionalità

Secondo estratto del nostro incontro con Filippo Lombardelli di "Lombardelli Home Experience", azienda del sud della Tosana con quarant'anni di esperienza nel settore mobili e arredo.

Detto più volte che il settore casa gode di ottima salute a trecentosessanta gradi e che quello arredamento è al momento il suo motore trainante, andiamo a vedere cosa piace veramente agli italiani, come vogliono arredare la propria abitazione e quali sono le tendenze che ci dobbiamo aspettare nell’imminente futuro. Per farlo ci siamo affidati ancora alle parole di Filippo Lombardelli, giovane mobiliere della provincia di Grosseto che ha rivestito ruoli importanti anche nella Federmobili nazionale.

Stile e semplicità verrebbe da dire, questo quanto emerge dai dati di Federmobili e Ambiente Cucina che Lombardelli commenta insieme a noi: “Il Covid e il post Covid hanno fatto tornare il desiderio di casa e dato un valore diverso ai nostri appartamenti essendo diventati il fulcro delle nostre vite. Va da se’ che la comodità è sempre un fattore fondamentale e quindi se dovessi scegliere una parola che descrive il momento che stiamo vivendo nel settore arredo direi: semplificazione”.
Gli italiani non hanno mai rinunciato allo stile ma in questo momento lo fanno adattandolo a delle esigenze nuove che il momento storico gli ha fatto conoscere: “Quando parliamo di semplificazione si intende essenzialmente funzionalità-continua Lombardelli. Stiamo assistendo ad una ricerca di qualcosa di essenzialmente pulito e semplice ma che sia polifunzionale anche in spazi ristretti. L’arredo segue di pari passo ciò che è successo nelle nostre vite. Vivendo di più la casa abbiamo bisogno di più soluzioni, magari abbiamo ora un angolo ufficio che poi è anche la nostra zona living ed è quindi importante avere un arredamento semplice (sempre di stile) che ci permettano di giocare su questo doppio binario”.

Anche i colori seguono il filone della semplificazione e della polifunzionalità andando in controtendenza rispetto a quanto accadeva nel recente passato: “Negi ambienti più importanti si ricercano cromature tenui molto più che in passato, questo anche per dare un senso di pulizia e di ampiezza ai nostri spazi. Il colore tenue è anche più facile da “riutilizzare” se così si può dire, offrendo soluzioni più vaste per ambienti che hanno più funzioni come descritto sopra.

Una menzione particolare merita il classico che nella sua seppur piccola percentuale è un classico molto rivisitato rispetto al passato”.

Pubblicato il 16/11/2021


Condividi: